Fender Statocaster Eric Clapton Blackie

Recensione

Devo essere sincero, le Fender Stratocaster Signature mi piacciono molto per le loro caratteristiche aggiuntive, e così oggi riesco a presentarvi una delle signature storiche: la Blackie di Eric Clapton, versione signature ( esistono anche la Custom Shop e la Masteribuilt). L'esemplare che vi presento oggi è del 2006 e monta quindi a differenza dei modelli più vecchi i pickup Noiseless Vintage. Su Eric Clapton credo non ci sia nulla da dire, è uno dei mostri sacri della 6 corde, soprannominato Slowhand, se siete curiosi riguardo alla sua storia vi rimando al suo link su Wikipedia , qui si parla solo di chitarre!!Passiamo quindi ad una descrizione dettagliatissima della chitarra evidenziando le differenze e le similitudini rispetto ai modelli americand standard e vintage 57 dei quali la Clapton fa abbondante miscela.

Body: in 2 pezzi di ontano, forma ovviamente tipicamente stratocaster, finitura nera (quella più desiderata sulla "Blackie") con mascherina monostrato bianca (simile quindi alla vintage 57). Il peso è nella norma quindi il risultato è uno strumento ben bilanciato e comodo.

Neck: in acero, bolt-on con placchetta a 4 viti, profilo soft-V a differenza della '57 che ha un V pronunciato, il soft-V accenna leggermente e risulta davvero comodo. La tastiera è in acero, ed è un mix tra le caratteristiche della american standard come il numero dei tasti (22) e il radius (9.5"), mentre la tipologia dei tasti è quella vintage. La paletta è quella piccola e porta l'accesso al truss rod come sull'american standard, mentre le meccaniche sono di tipo vintage Fender by Gotoh di ottima fattura. Sulla paletta oltre al seriale e al logo Fender, c'è la firma di Eric Clapton e il logo "Blackie".

Bridge: il ponte come sulle vintage, è un tremolo a 6 viti Fender con sellette vintage, in più come sull'originale Clapton è stato bloccato al corpo per ottenere il massimo sustain.

Elettronica: l'elettronica è davvero bella e particolare, riesce a rendere la chitarra un mostro di versatilità per usarla anche in contesti estranei alla figura di Clapton. Partiamo dai pickup, il set montato su è quello dei Vintage Noiseless, sinceramente credo siano tra i pickup più belli che abbia mai provato su una Fender ( tralasciando i Fralin Vintage Hot della mia Nash), le sonorità sono molto cristalline e soprattutto sono silenziosi, esatto dite addio al fastidio anche se caratteristico ronzio dei single coil. Per quanto riguarda il lato elettronica abbiamo i classici controlli di volume e switch a 5 vie, mentre i 2 toni ospitano rispettivamente il tono TBX e il mid-boost attivo. Il TBX presente sulla manopola centrale è un tono, che da 0 a 5 funziona in modo regolare, da 5 a 10 ha invece la funzione di enfatizzare gli alti; il mid-boost attivo alimentato da una pila a cui si accede tramite il vano molle posteriore è posizionato sulla seconda manopola di tono e permette di avere un guadagno fino a 25dB ... una quantità davvero esagerata che permette di passare da un pulito cristallino ad un vero e proprio overdrive mentre sulla distorsione fa acquistare una pienezza inarrivabile da qualsiasi single coil. Insomma così com'è questa Clapton al contrario della stragrande maggioranza delle signature è una chitarra versatilissima!

Conclusioni: sono rimasto favorevolmente colpito da questa signature, in primis dalla versatilità che la mette al di sopra di tutte le altre signature, il cui tallone d'Achille è spesso rappresentato dalla versatilità limitata, per il resto si tratta di un mix tra un american standard e una vintage 57, attinge le specifiche un po' da una e un po' dall'altra. Sinceramente avrei preferito i tasti più grandi, ma queste sono considerazioni personali. La chitarra viene data completa di una custodia rigida Fender in Tweed dagli interni arancioni molto ben fatta ( dalla G&G ). Mi sento di consigliare la chitarra a chiunque ne cerchi una versatile con cui fare di tutto e non solo agli appassionati di Slowhand.

PRO: versatilità, buoni legni e finiture, ottimo hardware

CONTRO: tastini vintage

Potete trovare l'annuncio della chitarra a questo indirizzo.

Altre foto della chitarra potete scaricarle cliccando qui.